1090Mhz, perché?

È con grande piacere che presentiamo il nuovo blog Pescara Spotters dedicato alla frequenza 1090Mhz.

I moderni apparati transponder Modo “Sierra” montanti a bordo degli aeromobili trasmettono costantemente in modo attivo i dati di volo  attraverso il sistema ADS-B (Automatic Dependent Surveillance – Broadcast) sulla frequenza 1090Mhz. I dati possono essere ricevuti per mezzo di un antenna e di una USB-Dongle e successivamente decodificati grazie ad un applicativo che permette così di “vedere” ed identificare cosa passa sopra le nostre teste, limitatamente a porzioni di cielo che la nostra antenna riesce a captare e agli aeromobili che utilizzano la tecnologia di trasmissione ADS-B.

Per spotting s’intende la passione di un individuo nell’osservare, avvistare, informarsi e rendersi parte delle operazioni legate ad un mezzo di trasporto.

Questo blog affronterà quindi la nuova frontiera dello spotting che va oltre gli orizzonti dell’aeroporto e dell’attività “a vista”: il Radarspotting.
Cioè osservare e registrare i passaggi di particolari aeromobili in rotta grazie all’ausilio della strumentazione di ricezione ADS-B.


Incominciamo mostrando l’ubicazione di una delle nostre antenne e la porzione di spazio aereo che riesce generalmente a coprire:

Azione_T-LIBP2

In funzione delle condizioni meteo questo limite si può allargare fino alle coste Croate ad Est e fino alla Basilicata verso Sud.

Attraverso l’applicativo RTL1090 l’interfaccia grafica dei dati elaborati è la seguente:

Schermata 2015-09-22 alle 15.49.53

Con una delle ultime release del software si riesce anche a vedere su mappa quanto la propria antenna sta “captando” in un determinato momento raffigurando gli aeromobili che trasmettono la posizione:

Schermata 2015-09-22 alle 16.33.13

Non tutti gli aerei trasmettono la loro posizione nel “pacchetto” dati che inviano via ADS-B (dipende dal transponder che montano). I dati dei traffici “localizzabili” possono essere inviati ai vari siti come Flightradar24 o similari condividendoli in tal modo con il web. Ed è proprio questo il funzionamento di Flightradar24, grazie alla messa in rete di numerosi ricevitori sparsi in tutto il mondo genera una mappa realtime.

Ci sono quindi alcune “chicche” in quota che l’antenna capta ma che su FR24 non è possibile osservare a causa di filtri preimpostati dal sito web (executive o militari maggiormente) oppure perchè non è disponibile la posizione: ad esempio il BAF630 di cui allo screenshot precedente.

Schermata 2015-09-22 alle 16.51.39

Il codice univoco ICAO 24-bit (il codice 49524A visibile a sinistra della schermata) identifica l’aeromobile. In questo aereo corrisponde ad un Airbus A321-231 con marche CS-TRJ della Belgian Air Force. Il triletterale “BAF” del nominativo corrisponde infatti all’operatore Belgian Air Force.

1442235069

Schermata 2015-09-22 alle 16.55.33

Questo, come molti altri militari, non sempre è visibile su FR24, e la possibilità di poter osservare la sua presenza in quota è uno dei vantaggi di possedere un ricevitore 1090Mhz.

Su questo blog potrete consultare la lista di quello che è “passato” in zona negli ultimi tempi… stay tuned!